Tecnica Craniosacrale

“E’ nell’abilità di stare quieti ed ascoltare che la verità del sistema umano dispiega i suoi misteri. Mentre ascoltiamo, un’umiltà vera emerge mentre incontriamo l’imponente e grandiosa Intelligenza all’interno del sistema umano.”   Franklin Sills (2001)

Di che cosa si tratta?

Tecnica manuale di medicina naturale che si attua tramite un tocco molto leggero sulle ossa craniche, lungo la colonna vertebrale fino al coccige e le fasce ad essa collegate al fine di stabilire un contatto con il ritmo cranio sacrale della persona per stimolarlo e riequilibrarlo.

sistema-craniosacraleQuesta tecnica nasce dalle intuizioni dell’osteopata William Gardner Sutherland.

Egli, all’inizio del XX secolo, mise in discussione le conoscenze della sua epoca studiando a fondo le ossa del cranio umano e concludendo che esse – contrariamente a quanto veniva insegnato – sono in movimento, un movimento ritmico in sintonia con la produzione del liquor (il liquido cefalorachidiano) che avviene all’interno delle meningi e scorre lungo tutto il canale durale. Dal movimento del liquido cerebrospinale scaturisce una sorta di “onda” che si muove ritmicamente dalle ossa craniche al sacro e dal sacro alle ossa craniche, paragonabile ad una sorta di “respiro vitale” definito appunto “ritmo craniosacrale”. Alcuni anni più tardi, un altro osteopata, John Upledger, si occupò intensamente del ritmo cranico mettendo a punto specifici tocchi che hanno dato vita a questa affascinante tecnica olistica.

La tecnica craniosacrale viene anche definita “delicata” e “sottile” in quanto nel corso del trattamento con un semplice ascolto del ritmo da parte dell’operatore ed un leggero “tocco” dei tessuti – che mantengono anche per anni memoria di traumi e lesioni – può rilevare e “smuovere” riattivando la capacità di auto guarigione , agendo sul tessuto al ritmo cui esso è pronto a rispondere.
Nonostante la delicatezza con la quale viene praticata, questa tecnica è in grado di agire profondamente sul sistema nervoso influenzando sia il sistema ormonale che quello immunitario. Favorisce, quindi, l’armonia dello stato psico-fisico e stimola la naturale capacità di auto-guarigione del corpo.

Quando è utile?

Benefici

  • Riequilibrio della postura e dell’apparato muscolo-scheletrico
  • Armonizzazione dell’apparato gastro-intestinale
  • Miglioramento della respirazione
  • Anti-stress e recupero dell’energia
Utilizzi

  • Problematiche dell’apparato respiratorio e disturbi endocrini
  • Disturbi delle articolazioni, digestivi, cardiaci, del sonno, della voce
  • Emicranie di varia natura, vertigini, acufeni, bruxismo
  • Cervicalgie e lombo-sciatalgie
  • Dolori cronici

È una tecnica delicata e sicura, per questo viene spesso consigliata anche in circostanze considerate rischiose, dopo un’operazione o incidenti oppure alle donne in gravidanza e ai neonati.

Durata: dipende dal trattamento, massimo 60 minuti.

(Il presente trattamento non è un atto medico, massofisioterapico, né estetico)