Stanchezza frequente, cistiti, ipertensione arteriosa, vertigini,  ronzii auricolari, sciatica, gambe gonfie, cellulite e ritenzione  idrica: ecco alcuni campanelli d’allarme con i quali il nostro corpo  ci avvisa che è arrivato il momento di una profonda depurazione  di reni e vescica.

Questi organi, infatti, sono di importanza cruciale per il buon  funzionamento del nostro organismo. E’ quindi necessario,  soprattutto a livello preventivo, almeno due volte all’anno, in  primavera e in autunno, eseguire un trattamento erboristico di  drenaggio e depurazione.

 

 

 

Quali sono le loro funzioni ?

  • Eliminazione di acqua e sali con le urine;
  • controllo dell’acidità del sangue;
  • eliminazione di sostanze tossiche prodotte dal nostro organismo o introdotte dall’esterno;
  • regolazione della pressione sanguigna;
  • stimolo della produzione dei globuli rossi nel sangue;
  • stimolo all’assorbimento del calcio nell’intestino.

Simbologia ed emozione collegate ai reni

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, i reni simboleggiano il regno delle acque inteso come luogo di origine, come nascita delle energie profonde ed arcaiche che ci abitano. Nei reni risiede dunque una forza vitale antica, che fa da supporto alle altre energie presenti nel corpo. La vescica simboleggia la capacità di sopportare e di gestire una pressione (tensioni emotive, responsabilità passeggere) ma anche di lasciar correre il fluire degli eventi.

L’emozione collegata ai reni è ogni forma di paura. Tutte le paure, come quella del buio, del dentista, della morte, ma anche ansia e timidezza, si scaricano sui reni, facendo accumulare tossine in questi organi.

Le erbe che li depurano

  • LINFA DI BETULLA: funzione depurativa, contrasta calcoli renali, cellulite e ipertensione. Uso: 150 gocce  di macerato glicerico in un litro d’acqua da bere durante il giorno oppure un cucchiaio di linfa di betulla al giorno per 15 giorni.
  • UVA URSINA: antinfiammatorio che favorisce l’eliminazione della renella e dei piccoli calcoli renali. Uso: 30 gocce di tintura madre due volte al giorno lontano dai pasti.
  • GINEPRO: azione diuretica, antiacidi urici e contrasta il bruciore della cistite. Uso: 70 gocce di macerato glicerico in poca acqua, la mattina a digiuno.
  • ZENZERO: efficace per rimuovere le tossine dal sistema linfatico, dai reni e dalla vescica. Uso: i migliori risultati si ottengono utilizzandolo fresco direttamente sui piatti.

Attenzione: queste piante vanno utilizzate solo singolarmente a seconda delle loro specifiche caratteristiche in relazione ai nostri bisogni, per un periodo di tempo di almeno 20 giorni e non oltre i 40 giorni.